influencer marketing cosa è

Influencer marketing, cosa è e come funziona (+ esempi)

Cos’è l’influencer marketing

Fare l’influencer negli ultimi anni è diventato un vero e proprio lavoro.

Come è accaduto che i consigli condivisi su blog, social media e YouTube da persone comuni e non diventassero annunci pubblicitari da pagare a peso d’oro?

È l’influencer marketing, baby! E in questo post scoprirai cosa significa e come funziona.

Cosa significa fare influencer marketing

Se stai cercando il significato o la traduzione italiana di influencer marketing, lasciami fare un piccolo salto indietro nel tempo, per farti capire di cosa si tratta.

Quando la pubblicità su carta stampata e TV era il modo principale per far conoscere un prodotto, prima dell’avvento del web, i brand che cercavano maggiore risonanza ricorrevano ai cosiddetti testimonial, che erano per lo più attori, personaggi televisivi e sportivi amati dal grande pubblico.

Quello che questi volti noti prestavano, però, non era solo la loro immagine, ma anche la loro credibilità, ovvero aggiungevano valore al prodotto, trasferendo la fiducia che il pubblico aveva nei loro confronti sul brand.

Nell’epoca del web e, sempre più con l’incremento della diffusione dei contenuti generati dagli utenti (i cosiddetti user generated content), la dinamica è cambiata: chiunque, teoricamente, può diventare un testimonial, ovvero un influencer online.

Non ti è sfuggito quel teoricamente, vero? Bene!

La precisazione è doverosa e per capire che cosa vuol dire influencer marketing dobbiamo chiarire prima cos’è un influencer, infatti.

L’influencer è quella persona che ha raggiunto un tale seguito online (a volte grazie alle sue competenze e a volte per altri motivi) attraverso il suo blog, i  suoi profili social, il suo canale YouTube o altro da riuscire ad influenzare le scelte e gli acquisti dei suoi follower.

Detto questo il significato di influencer marketing viene da se.

Potremmo infatti dire che la definizione di influencer marketing è: la parte della campagna di promozione di un prodotto che viene veicolata attraverso contenuti generati e distribuiti da un influencer, con l’obiettivo di rendere il brand attraente agli occhi dei suoi follower, sfruttando la sua popolarità online.

Come avrai intuito dal paragrafo sopra, l’influencer marketing può lavorare benissimo insieme al content marketing.

Come funziona l’influencer marketing

Se vuoi far conoscere il tuo brand o il tuo prodotto ad un numero maggiore di persone, affidarti a degli influencer può essere utile, ma attenzione a scegliere quelli che fanno al caso tuo: non è detto che grandi numeri ti assicurino il risultato che cerchi.

Infatti, quando si parla di cosa vuol dire influencer marketing davvero, sono in molti a mettere ancora in dubbio che il lavoro degli influencer abbia un impatto reale sulle vendite.

Sulla scelta degli influencer molti credono che basti puntare a chi ha più follower, ma non lasciarti affascinare solo dai numeri alti: se non consideri attentamente anche la qualità dei contenuti e il target che interagisce maggiormente con i canali social dell’influencer, rischi di fare un buco nell’acqua!

Che fare dunque?

Il consiglio è osservare bene tutti i fattori in gioco nella fase di scelta e, una volta avviata la campagna, fissare delle KPI, degli indicatori di prestazione, da monitorare nel corso della campagna di influencer marketing, e valutare bene il ROI, ossia il ritorno dell’investimento.

Se intendi collaborare con un influencer per una campagna di brand awareness, allora potresti tenere traccia dell’incremento delle visite sul tuo sito e dell’interazione sulle tue pagine social. Se, invece, l’influencer avrà il compito di promuovere un prodotto specifico o se il suo intervento sarà indirizzato alla lead generation, sarà utile dedicargli un codice sconto o un URL personalizzato, di modo da poter contare quanti utenti sono arrivati al tuo sito attraverso la sua raccomandazione.

Vuoi un esempio di influencer marketing? Se la foto del tuo gatto ottiene 200 Mi Piace di amici e parenti, mi dispiace dirtelo, ma non puoi ritenerti un influencer.

Però, se crei un profilo Instagram a nome del tuo gatto, cominci a pubblicare costantemente foto belle e contenuti originali e il numero dei follower e delle loro interazioni cresce di qualche migliaia in pochi mesi, allora potresti rientrare nella cerchia degli influencer che hanno il potere di orientare i gusti degli amanti dei gatti e attirare l’attenzione di un’azienda che produce cibo per gatti, fino ad essere contattato da loro per una campagna di influencer marketing che promuova i loro prodotti attraverso i post che hanno come protagonista il tuo gatto.

E se stai pensando che questo sia un esempio paradossale per un finale ad effetto, è giunto per te il momento di sapere che i gatti influencer esistono davvero e che le strade dell’influencer marketing sono infinite.

Libri sull’influencer marketing

Se vuoi approfondire ulteriormente il tema dell’influencer marketing ti lascio un po’ di libri qui sotto:

Commenti

Chi Sono

Classe ‘84, Salernitano, cresciuto a camille e robottoni giapponesi! Sono un imprenditore digitale, blogger, public speaker e autore.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business.
Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Batman sarebbe fiero di te ;).

Risorse consigliate

Il mio libro

Acquista il mio libro sul Growth Hacking

Il mio corso

Acquista il mio corso sul Growth Hacking

La mia guida

Leggi la mia guida sul Growth Hacking

Ultimi post