performance marketing definizione

Performance marketing: cosa significa di preciso?

Riepilogo sul performance marketing

  • Performance marketing significa marketing dei risultati
  • La parola performance è fondamentale per capirne il funzionamento
  • Tutte le attività sono basate sui risultati
  • Il monitoraggio è l’aspetto più importante

Introduzione

La definizione di performance marketing è tra le più ricercate del web. La migliore traduzione di performance marketing potrebbe essere marketing dei risultati.

Ma di cosa si tratta esattamente?

Se anche tu desideri capire cosa vuol dire, continua a leggere.

Cos’è il performance marketing

Per mettere a fuoco il significato bisogna concentrarsi sul termine performance: il nocciolo della questione sta tutto lì.

Questo modello, infatti, si basa, più di ogni altra, sull’ottenimento dei risultati.

Generazione di lead, conversione da lead a cliente, download di un prodotto digitale, vendita di un servizio: sono questi i principali obiettivi a cui punta un’attività di questo tipo.

Come avrai notato si tratta di obiettivi specifici, ben diversi da quelli più generali – come può essere, ad esempio, l’ampliamento della brand awareness, che è altrettanto importante, ma che può essere considerato l’indirizzo generale verso cui la strategia si muove.

Ogni performance deve poter essere misurata per analizzarne l’avanzamento o la decrescita: il monitoraggio dei risultati è fondamentale, infatti, nel performance marketing.

performance marketing vs brand marketing

Come funziona

Ogni buon esempio di performance marketing, dunque, non può prescindere dall’osservazione e dalla misurazione dei risultati. Per avere un quadro chiaro e completo è necessario individuare le KPI da monitorare per assicurarsi che il progetto stia procedendo nel verso giusto: è confrontando i tuoi risultati con i key performance indicator prefissati che riuscirai a renderti conto se la tua strategia di marketing sta funzionando.

Quando pensi a cosa significa performance marketing devi considerare anche un grande vantaggio: attraverso questa strategia conosci immediatamente il ROI, ovvero il ritorno del tuo investimento.

Di conseguenza cambiano anche i modelli di pagamento. È raro infatti che si lavori con il CPC (cost per click), ma si preferisce piuttosto utilizzare modelli come il CPA (cost per acquisition) o altri legati al risultato.

Come sempre mi preme sottolineare che non si tratta di una formula magica per risolvere tutti i problemi di un business, quanto piuttosto di un modello da integrare alle altre attività di marketing (digitale e non) già presenti in azienda.

Allo stesso modo, non è da considerare come un nemico o un concorrente del “brand marketing”, ma più che altro come due attività entrambe necessarie che si completano a vicenda e che intervengono in momenti diversi con obiettivi diversi.

Risorse aggiuntive

Se vuoi approfondire il tema ti consiglio di dare uno sguardo a questi link:

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!

Commenti

Chi Sono

Classe ‘84, Salernitano, cresciuto a camille e robottoni giapponesi! Sono un imprenditore digitale, blogger, public speaker e autore.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business.
Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Batman sarebbe fiero di te ;).

Risorse consigliate

Il mio ebook free

Leggi il mio ebook gratuito sul
Growth Hacking

Il mio libro

Acquista il mio libro sul Growth Hacking

Il mio corso

Acquista il mio corso sul Growth Hacking

Ultimi post