come leggere di piu

Come sto leggendo 4 volte di più cambiando 4 pessime abitudini

Post aggiornato a Ottobre 2018

Leggere più velocemente o leggere meglio

Se leggi questo blog da tempo saprai che sono un lettore accanito. Lo sono sempre stato, fin da piccolo. Ho sempre letto tanto, di tutto.

Ricordo ancora l’emozione di finire “I tre moschettieri” che, se provo a tornare indietro con la mente, è stato il primo libro “non-per-bambini” letto per intero di cui ho memoria. Avrò avuto 8 o 9 anni.

Da allora non ho mai smesso. C’è stata la “fase Pirandello”, la “fase Eco”, la “fase Luther Blissett/Wu Ming” e tante altre… fino ad arrivare alla “fase Palahniuk” degli ultimi anni. Si, sono in fissa con il caro Chuck, autore noto per Fight Club, ma che ha scritto tanti altri romanzi bomba.

A un certo punto, qualche anno fa, mi sono reso conto di aver dato una brusca frenata alla lettura.

“Sarà il lavoro”, “Ho poco tempo”, “Sono troppo stanco per leggere”, “Comincio il mese prossimo”, “Non esce niente che mi piace”.

Queste sono alcune delle scuse che mi davo in quel periodo, quando riflettevo sul fatto che stavo rinunciando ad una delle cose che amavo di più al mondo: la lettura.

A un certo punto mi sono ripromesso di tornare a dedicare il giusto tempo ai libri e riuscirci è stato più semplice del previsto. Ho solo dovuto cambiare quattro abitudini.

Due premesse sul leggere più velocemente

Premessa 1

Questo non è un post con un elenco di trucchi su come leggere più velocemente. Non ti suggerirò di utilizzare gli ebook o gli audiolibri o strumenti come Blinkist. Leggo ancora libri in formato cartaceo e non conosco tecniche di lettura veloce.

Non credo che le tecniche di lettura veloce siano la chiave.

Premessa 2

Già so che qualcuno chiederà un po’ di numeri quindi li anticipo. Sono passato da circa un libro al mese a circa un libro a settimana. Dico “circa” perché ovviamente dipende dalle dimensioni dei libri in questione. Ma la proporzione è più o meno questa. Ecco il perché del “4 volte di più” nel titolo del post.

Ad oggi leggo tra i 50 e i 60 libri all’anno che è poco più di un libro a settimana. In rete c’è tanta roba su come leggere un libro al giorno, un ritmo che io ritengo surreale e, oserei dire, quasi controproducente.

Ma ora passiamo alle 4 abitudini che ho cambiato per leggere più velocemente.

Abitudine 1: Leggi sempre. SEMPRE!

Potrebbe sembrare banale, ma in realtà il primo passo deve essere proprio questo: per leggere di più devi ritagliare più tempo per la lettura.

Attenzione perché non mi riferisco solo al fatto di dedicare 20-30 minuti di sera a letto, prima di andare a dormire, alla lettura di un libro. Questa è sicuramente un’ottima abitudine, ma non è abbastanza.

Con “leggi sempre” intendo dire “riempi tutti i tempi morti con la lettura“. Tutti. I. Tempi. Morti.

I classici 10 minuti al bagno sono la prima cosa a cui starai pensando. E fai bene! Invece di portarsi dietro lo smartphone per fare una partita a Clash Royal, basta portare un libro e leggere un paio di paragrafi.

Ma non solo.

Ti faccio qualche altro esempio basandomi sulla mia esperienza personale. Tiro fuori un libro mentre:

  • Aspetto il caffè che esce dalla moka
  • Faccio la fila alle poste o dal dottore o in qualsiasi altro ufficio
  • Viaggio su un treno o un aereo o qualsiasi altro mezzo
  • Sono in pausa pranzo da solo
  • Aspetto l’acqua della pasta che bolle
  • E così via.

Per un approccio di questo tipo sono di grande aiuto i libri che hanno i capitoli molto brevi o sono suddivisi in paragrafi. L’idea di poter iniziare a leggere un blocco di testo non troppo lungo, psicologicamente aiuta molto. Non si ha quella sensazione di rischiare di lasciare un capitolo a metà perché sta finendo il tempo a nostra disposizione.

Abitudine 2: Se un libro non ti sta piacendo, mollalo

Per qualche assurdo motivo avevo l’abitudine di finire sempre i libri che iniziavo. In realtà lo facevo anche con i film e le serie TV. Era una strana abitudine legata al fatto di non voler lasciare cose a metà e di poterle valutare solo dopo averne visto il finale.

Pensavo fosse un’abitudine solo mia, poi parlando con degli amici di questa cosa ho notato che, in realtà, è comunissima tra molte persone.

La chiave del leggere un libro più velocemente sta nel fatto di passare ad altro quando un libro non ci sta piacendo. Nella maggior parte dei casi quel tempo è sprecato.

Ora se mi rendo conto che un libro (di qualsiasi genere esso sia) non mi sta coinvolgendo, semplicemente lo chiudo, lo poso e passo ad un altro.

Se penso al passato non mi vengono in mente esempi di libri che mi stavano annoiando e che si sono ripresi nel finale facendomi cambiare opinione su di essi.

Leggere deve essere piacevole. Se ti forzi a leggere qualcosa che non ti piace, la trasformi in un’attività pesante e noiosa e di conseguenza non riesci a leggere più velocemente: leggi di meno, ti distrai, devi ricominciare da capo e così via.

Devo ammettere che le prime volte vivevo un po’ male la cosa di lasciare un libro a metà per iniziarne un altro, poi con il tempo mi sono abituato e oggi, se ripenso al tempo buttato su libri che non mi piacevano, mi viene da ridere e mi sento stupido.

Abitudine 3: Alterna i generi dei libri che leggi

Quando mi appassiono a un argomento mi ci butto a capofitto.

Questa cosa ha sempre impattato sulla lettura, soprattutto dal punto di vista lavorativo.

Fino a qualche tempo fa la scena era più o meno la seguente: mi interessavo di un argomento, mi fiondavo su Amazon, ordinavo i primi 3-4 libri su quell’argomento e nei mesi successivi non leggevo altro.

È una pessima abitudine.

Il concetto fondamentale è, ancora una volta, molto semplice: leggere deve essere piacevole.

Quando mi ritrovavo a leggere il quarto libro sullo stesso argomento, per il terzo mese di fila, mi rendevo conto di averne le scatole piene e di essere annoiato a morte. Leggere libri legati al proprio lavoro rischia di fare questo effetto, a volte.

Inoltre, capitava di finire in un loop terribile nel quale: il libro che stavo leggendo non mi piaceva -> continuavo a leggerlo perché volevo finirlo -> leggevo poco e piano perché era noioso -> il libro durava un’infinità -> non leggevo altro in quel periodo.

La soluzione è stata molto semplice: alternare i generi dei libri che leggo.

leggere piu velocemente

No a 10 libri di marketing uno dietro l’altro o a 10 libri di startup senza sosta, ma no anche a 10 romanzi o 10 fumetti.

Quando faccio un ordine su Amazon o entro in una libreria (si, ogni tanto lo faccio) cerco sempre di uscire con libri molto diversi tra di loro e poi, quando si tratta di cominciare un nuovo libro, cerco sempre di sceglierne uno molto diverso dal precedente.

L’idea è che non devo mai avere la sensazione di “non ce la faccio più, sto leggendo troppi libri di lavoro”, ma nemmeno quella di “leggo troppi romanzi quando avrei tanti argomenti di lavoro da approfondire”.

È tutta una questione di equilibrio.

Abitudine 4: Non accumulare libri non letti

Tsundoku.

È una parola Giapponese che indica l’attività di comprare libri, accumularli e non leggerli mai.

Si, i giapponesi hanno una parola anche per questo 🙂

Ammetto che quella di accumulare libri sulla scrivania è stata una mia (pessima) abitudine per anni. Continuavo a comprarne anche se non avevo finito di leggere quelli che già erano a casa.

come leggere un libro al giorno: evita lo tsundoku

I lati negativi dell’accumulare libri senza leggerli sono diversi e, nel mio caso, ne ho notati due in particolare:

  1. La pila di libri dopo un po’ rappresentava un task non completato, iniziava a pesarmi. Volevo leggere uno di quei libri solo per toglierli dalla scrivania.
  2. Nel momento in cui compri un libro sei molto interessato a leggerlo, se lo prendi dalla scrivania dopo due anni forse lo sei un po’ meno. E così mi ritrovavo tra le mani libri che manco ricordavo perché avevo comprato.

In questo caso la soluzione è stata abbastanza semplice: compro nuovi libri solo quando non ne ho più da leggere, in modo tale da ritrovarmi tra le mani sempre qualcosa di appena comprato e che ha la mia massima attenzione.

Conclusione: vuoi leggere più velocemente o leggere di più?

Come avevo anticipato, in questo post non ci sono trucchi sul come leggere velocemente. Penso che la questione della lettura sia un pelino diversa.

Ho semplicemente ritrovato il piacere di leggere e per farlo è bastato eliminare tutta una serie di cattive abitudini che molto spesso facevano diventare la lettura un momento tedioso invece che stimolante e piacevole.

Mi son deciso a scrivere questo post quando, parlando con un po’ di amici, mi son reso conto che queste abitudini sono più comuni di quello che pensassi!

Se ti trovi in una situazione simile, o semplicemente vuoi leggere più velocemente un libro ora sai da dove iniziare.

Commenti

Chi Sono

Classe ‘84, Salernitano, cresciuto a camille e robottoni giapponesi! Sono un imprenditore digitale, blogger, public speaker e autore.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business.
Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Batman sarebbe fiero di te ;).

Risorse consigliate

Il mio libro

Acquista il mio libro sul Growth Hacking

Il mio corso

Acquista il mio corso sul Growth Hacking

La mia guida

Leggi la mia guida sul Growth Hacking

Ultimi post