the art of the start recensione

Recensione The Art Of The Start di Guy Kawasaki

  • 67
    Shares

Chi è l’autore di The Art Of The Start?

Potremmo dire che il concetto del tech evangelist, come lo conosciamo oggi, è opera di Guy Kawasaki, l’autore di The Art Of The Start.

Probabilmente hai sentito parlare di lui perché è stato il responsabile marketing della linea Macintosh per Apple negli anni 80. In realtà ha fatto molto altro, diventando un punto di riferimento di fama internazionale nel mondo hi-tech e quello imprenditoriale.

Laureato in psicologia a Stanford, ha fondato (e diretto) numerose aziende di successo, scritto una decina di libri bestseller e, dal 2015, è diventato membro della Wikimedia Foundation. Negli ultimi anni è passato da aziende come Canva, Motorola e Google.

Tra le tante cose è anche un angel investor.

Di cosa parla The Art Of The Start?

La prima edizione di questo libro è uscita nel 2004 ed è diventata subito un classico del mondo startup e imprenditoriale in generale.

Nell’introduzione viene definito come “un handbook per imprenditori, aspiranti imprenditori, proprietari di piccole e medie imprese e leader di organizzazioni no-profit”.

Ed è proprio così!

Il libro è formato da 13 capitoli molto brevi e molto pratici sui diversi aspetti dell’avviare una nuova attività. Si parla di come costruire un team (cap. 7 – The art of building a team), di come lanciare un prodotto (cap. 2 – The art of launching), di come trovare potenziali partner (cap. 11 – The art of partnering) e tanto altro.

Questa edizione 2.0 è stata aggiornata con contenuti molto attuali che, ovviamente, non erano presenti nella prima edizione. Si parla delle tecnologie cloud e di come esse abbiano notevolmente abbattute certi costi. Si parla dei social media come sostituzione delle classiche agenzie di PR. Si parla del crowdfunding come alternativa agli investitori classici.

Insomma, ci sono tutti i temi più caldi e importanti del momento!

Perché devi leggere The Art Of The Start?

The Art Of the Start è stato, in assoluto, il primo libro di startup che ho letto.

Devo ammettere che la pragmaticità con la quale vengono trattati certi temi l’ho ritrovata poi in pochissimi altri libri (uno di questi è Rework, leggi qui la mia recensione).

Devi leggerlo perché non è rivolto solo alle startup. Se stai avviando qualcosa (lanciando una nuova azienda, mettendo in piedi un team, creando un nuovo prodotto o servizio) questo libro non può mancare sulla tua scrivania!

Devi leggerlo perché è andato fuori catalogo 4-5 anni fa ed era introvabile fino al mese scorso.

Devi leggerlo perché la prima edizione era fantastica, ma con questa edizione 2.0 Guy Kawasaki si è superato.

La prima volta lo leggerai tutto d’un fiato. Poi lo terrai li, sulla tua libreria, e ogni volta che avrai un dubbio su un argomento potrai dare un’occhiata al capitolo dedicato e trovare la risposta. Te lo assicuro!

La seconda edizione è disponibile solo in inglese. Lo trovi qui su Amazon sia per kindle che in versione cartacea.

Dagli un’occhiata e fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

Prima di andare via ti suggerisco di dare un'occhiata a questi post che potrebbero interessarti:
  • 67
    Shares

Commenti