ilovecomm evitare le file

Evitare le file ai negozi: ilovecomm ti fa prenotare da casa qualsiasi cosa

Accedi alla mia academy

Se ti interessano gli argomenti che tratto su questo blog iscriviti alla mia academy online per studiarli in maniera strutturata e confrontarti con decine di imprenditori e professionisti di ogni settore.

In un momento particolare come questo, con i negozi che pian piano riaprono, ma dovendo rispettare regole molto feree, si sono create inevitabilmente delle nuove esigenze.

Una lunga attesa all’ingresso del negozio è un’idea alla quale ci siamo già abbastanza abituati e le foto che circolano in questi giorni ci hanno mostrato casi estremi con file lunghe centinaia di metri.

Una nuova esigenza che si è creata è, inevitabilmente, quella di evitare di fare lunghe file e perdere tempo in attesa del proprio turno all’ingresso di un negozio. Col rischio concreto che quando arrivi il proprio turno il prodotto desiderato non sia disponibile.

Una startup italiana con cui collaboro da tempo, ilovecomm, risolve questo problema con una soluzione completa che soddisfa le esigenze sia dei negozianti che dei clienti.

Da idea nice to have si è trasformata in pochi giorni a un must to have e allora ho deciso di intervistare il CEO, Renato Mascolo per chiedere qualcosina in più.

Buona intervista!

Raffaele Gaito: Ciao Renato. Come prima cosa presentati: chi sei, di cosa ti occupi e che background hai?

Renato Mascolo: Sono Renato Mascolo e sono fondatore e CEO di ilovecomm, sono stato in passato manager finanziario di alcune aziende per poi dedicarmi alla consulenza per il mondo del retail.

Proprio studiando da vicino quel settore per diversi anni è nata l’idea di ilovecomm.

RG: A questo punto dicci di più su ilovecomm. Per chi non la conosce: di cosa si tratta, in parole semplici?

RM: ilovecomm dà la possibilità agli utenti di cercare un prodotto simultaneamente in più negozi della città, ricevere più offerte e scegliere la migliore, per poi prenotare il prodotto scegliendo una data e una fascia oraria per una prova o il ritiro.

Più semplice di così si muore.

RG: Il servizio non è nato durante questa crisi, ma esiste da un po’. Negli anni si è evoluto parecchio e oggi potrebbe avere un ruolo importante nella ripresa. In che modo ilovecomm può aiutare i negozianti a ripartire?

RM: L’economia locale ha bisongo di riprendersi, e nello scenario attuale ilovecomm da applicazione utile diventa uno degli strumenti necessari.

Può avere un ruolo importante per i negozi perché gli permette di evitare assembramenti, attraverso la gestione delle prenotazioni. In questo modo si evitano anche le file.

Rispetto alle soluzioni che fanno gestire la fila in maniera intelligente, ilovecomm la fila punta a eliminarla, grazie al sistema di prenotazioni.

Questo da la possibilità ai negozianti di rispettare facilmente le regole. Inoltre la tecnologia è molto versatile e si adatta facilmente a diverse esigenze e dimensioni del cliente.

La nostra soluzione è usata dal singolo negozinte fino al grande gruppo e alla catena.

ilovecomm la soluzione alle file

RG: Dimmi di più su questo aspetto dei competitor. Rispetto alle tante app che consentono di gestire una fila voi come vi differenziate?

RM: La differenza importante è che ilovecomm si occupa si tutte le fasi di vendita non solo della parte gestione fila.

Il cliente infatti non solo conosce l’orario di visita scelto nella prenotazione, ma svolge tutta la fase di pre-acquisto a distanza facendo sì che la pemanenza in negozio sia breve ma molto efficace.

Può parlare con il negoziante, valutare il prezzo del prodotto in diversi posti, capire la disponibilità di eventuali varianti (taglie, colori, ecc) e tanto altro.

RG: Data la situazione attuale, quali sono i prossimi step per il futuro? In che direzioni andrà la piattaforma?

RM: Vogliamo completare l’espansione in tutta Italia per poi arrivare nelle principali città europee, e contemporaneamente migliorare sempre di più il prodotto in base alle esigenze in evoluzione degli utenti e negozianti.

Questa è una fase fondamentale per noi perché stiamo ricevendo tantissimi feedback che valgono oro colato.

RG: In questo periodo storico delicato e vista la tua esperienza nel settore, quali sono gli errori che hai visto fare spesso ai negozianti? Che suggerimenti ti senti di dare?

RM: Più che errori, direi che ho notato spesso alcune incomprensioni dovute al passaggio al digitale:

  1. Fanno poco. Molti negozi, ma spesso anche catene, rimandano “la questione del digitale”, accontentadosi di iscriversi sui vari social di tendenza. Quando poi arrivano con l’acqua alla gola (come in questo momento) e capiscono di dover fare di più, scelgono spesso soluzioni costose e poco performanti.
  2. Fanno troppo. Al contrario dei primi, alcuni mettono in piedi progette inutilmente complessi per “essere digitali”, ma senza verificare la reale efficacia dei servizi o prodotti acquistati.
    Tipico è spendere molti soldi nel costruire un e-commerce ma non sapere che per ottenere risultati di vendita tramite questo canale c’è bisogno di una strategia, di un piano di marketing, di un budget, di un team interno che si dedichi a questo lavoro a tempo pieno, e così via.
  3. Sottovalutano le ricerche locali. Molti negozianti pubblicano e publicizzano sui social, ottimi strumenti per fidelizzazione e presentazione prodotti, ma tralsciano di intercettare i clienti locali che li stanno cercando tramite le ricerche su Google. Ricordiamo che che solo in Italia sono più di 500 milioni l’anno!

ilovecomm è nata proprio per sopperire a queste mancanze.

Il negoziante si attiva con una pagina subito visibile dai clienti che cercano localmente, senza il bisogno di dover fare un e-commerce e potendosi dedicare al suo lavoro principale nel punto vendita, ottimizzando il tempo dedicato alla parte digitale.

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!

Accedi alla mia academy

Se ti interessano gli argomenti che tratto su questo blog iscriviti alla mia academy online per studiarli in maniera strutturata e confrontarti con decine di imprenditori e professionisti di ogni settore.

Commenti

Chi Sono

raffaele gaito blog

Sono un Growth Coach,
autore, speaker e blogger.
Attraverso il Growth Hacking guido le aziende a migliorare i loro prodotti e i loro processi con l’ausilio dei dati, degli esperimenti e del pensiero laterale.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business. Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro. Batman sarebbe fiero di te ;).

Ultimi post

Risorse sul Growth Hacking

Il mio ebook gratis

Leggi il mio ebook introduttivo sul
Growth Hacking
NUOVO

Il mio nuovo libro

Acquista il mio ultimo libro sul Growth Hacking Mindset

La mia academy

Accedi alla mia academy per studiare il Growth Hacking

Ultimi post