yeeply outsourcing intervista

Ecco come Yeeply sta cambiando l’outsourcing

Accedi alla mia academy

Se ti interessano gli argomenti che tratto su questo blog iscriviti alla mia academy online per studiarli in maniera strutturata e confrontarti con decine di imprenditori e professionisti di ogni settore.

Yeeply, un marketplace per progetti digitali ha l’ambizione di cambiare il modo con cui startup e aziende fanno outsourcing delle competenze tecniche.

Ho intervistato il CEO Luis Picurelli per farmi raccontare in che modo ciò sta avvenendo e quali vantaggi comporta per un’azienda utilizzare un approccio decentralizzato e totalmente online.

Buona lettura!

Raffaele Gaito: Ciao Luis, come prima cosa presentati. Chi sei, cosa fai e che background hai?

Luis Picurelli: Ciao, sono Luis Picurelli, CEO e fondatore di Yeeply. Ho studiato ingegneria delle telecomunicazioni all’Università Politecnica di Valencia e successivamente ho realizzato un Master in International Business in Francia.

Prima di fondare Yeeply, ho lavorato in Europa e negli USA in imprese attive nel settore delle telecomunicazioni e dell’informatica, svolgendo principalmente attività di consulenza e vendita.

Adesso, in Yeeply, mi occupo quotidianamente di tutto ciò che è relazionato a management, direzione strategica e marketing.

R.G.: Dicci qualcosina in più su Yeeply. Di cosa si tratta?

L.P.: Yeeply è nata nel 2012 e si tratta, fondamentalmente, di un marketplace per lo sviluppo di progetti digitali.

Il nostro obiettivo è che ogni impresa, abbia a disposizione il miglior team, agenzia o professionista per sviluppare con successo il proprio progetto.

I clienti che lavorano con Yeeply richiedono principalmente sviluppo di progetti tecnici, come sviluppo di software, app e siti web ma anche progetti di marketing digitale, UX/UI design, e così via.

Dal lato dei professionisti, il nostro dipartimento Talent si occupa di certificare i nuovi team e professionisti che vogliono lavorare per i nostri clienti.

Il lavoro non si limita alla sola certificazione, monitoriamo costantemente la qualità del lavoro dei nostri sviluppatori, la relazione con il cliente, i prezzi e altri fattori. In questo modo, ci assicuriamo di lavorare solo con i migliori sviluppatori e di garantire il massimo livello di qualità.

yeeply marketplace outsourcing

R.G.: Quindi rispetto a un approccio tradizionale mi sembra di capire che la particolarità sia nel modello. Mi approfondiresti questo aspetto?

L.P.: Certamente! In questi sette anni di vita, abbiamo fatto alcuni aggiustamenti principalmente in relazione al modello di business. Ci siamo resi conto che quello che funziona di più è il modello diretto, con il quale fatturiamo al cliente direttamente e successivamente paghiamo al team o professionista un prezzo concordato.

È la maggior garanzia che possiamo dare a un cliente, per assicurare che il lavoro del professionista incaricato dello sviluppo del progetto sarà di qualità.

Questo modello ha ancora più importanza nel caso in cui il cliente abbia più progetti da sviluppare, i pagamenti e i fornitori sono centralizzati con un unico interlocutore (Yeeply, in questo caso) che è pieno responsabile di tutto.

R.G.: Perché un’azienda o una startup dovrebbe affidarsi a voi invece di usare il classico approccio all’outsourcing?

L.P.: A un’impresa o una startup, noi apportiamo una proposta di valore flessibile, delocalizzata e totalmente digitale.

Apportiamo alto valore al cliente, dato che il nostro team interno è specializzato in diversi tipi di progetti, sa consigliare le migliori opzioni ai nostri clienti e aiutare a definire con chiarezza il progetto.

Inoltre, il nostro sistema permette di scegliere ogni volta il miglior professionista per ogni progetto, in qualsiasi momento e localizzato in qualsiasi parte del mondo e di seguire l’avanzamento del progetto completamente online, dalla firma del contratto alla consegna del materiale.

R.G.: Le aziende italiane come hanno recepito questa novità? State trovando un terreno fertile o sono diffidenti?

L.P.: Il mercato italiano è simile a quello spagnolo e forma parte dei mercati importanti per Yeeply. Sicuramente ci sono differenze per tipo di progetti e maturità del mercato, ma abbiamo una domanda in costante aumento.

R.G.: Qual è l’errore da cui avete imparato di più negli ultimi anni, con l’esperienza di Yeeply?

L.P.: L’errore dal quale abbiamo appreso di più, è che bisogna sapersi adattare e cambiare rapidamente le cose che non funzionano.

In alcuni momenti siamo stati lenti e lo abbiamo notato.

La cosa migliore da fare quando bisogna intraprendere un cambiamento importante, è analizzarlo bene, ma eseguirlo in maniera rapida perché il tempo (ed il denaro in cassa) non è infinito.

R.G.: In conclusione chiedo sempre agli intervistati di dare 3 consigli a chi vuole fare startup o avviare un progetto suo. Quali sono i tuoi?

L.P.: Direi questi tre:

  1. Hire slow, fire quickly
  2. Motiva il tuo team con una cultura d’impresa, un progetto potente e con una comunicazione delle informazioni trasparente e attenta
  3. Cash is king

Se ti è piaciuto questo post, clicca Mi Piace qui sotto!

Accedi alla mia academy

Se ti interessano gli argomenti che tratto su questo blog iscriviti alla mia academy online per studiarli in maniera strutturata e confrontarti con decine di imprenditori e professionisti di ogni settore.

Commenti

Chi Sono

raffaele gaito blog

Sono un Growth Coach,
autore, speaker e blogger.
Attraverso il Growth Hacking guido le aziende a migliorare i loro prodotti e i loro processi con l’ausilio dei dati, degli esperimenti e del pensiero laterale.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business. Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro. Batman sarebbe fiero di te ;).

Ultimi post

Studia con me

I miei libri

Leggi i miei libri
su crescita e sperimentazione

I miei corsi

Segui i miei corsi online
su marketing e business

La mia academy

Accedi alla mia academy per studiare il Growth Hacking