annuncio lavoro startup

Come NON scrivere un annuncio di lavoro per Startup

Mi capita spesso, ultimamente, di leggere su Facebook improbabili annunci di lavoro di sedicenti startup.

Elenchi infiniti di linguaggi di programmazione, tecnologie front-end e back-end a volontà, conoscenze di diversi database, il tutto senza scrivere due righe informative sul progetto o sul tipo di collaborazione.

Nel migliore dei casi questi annunci hanno dei confusi riferimenti alla possibilità che il ninja in questione creda nel progetto e diventi cofounder.

Ve lo dico: lo state facendo nel modo sbagliato.

Se non ricevete risposte (che non siano insulti) ai vostri annunci è perché avete completamente sbagliato l’approccio.

Per la prossima volta sarà bene tenere a mente qualche informazione:

  • Evitate elenchi infiniti di skill. Prima di pubblicare l’annuncio chiedetevi se è veramente necessario che la figura cercata debba conoscere 13 linguaggi di programmazione diversi.
  • Chiedetevi quante persone vi servono. Se avete bisogno di un programmatore PHP che sappia anche usare Photoshop e Illustrator è probabile che siate alla ricerca di due figure diverse. Pubblicate due annunci.
  • Scrivete due righe sul progetto. Lo fanno in pochi ma è importante. Scrivete di che startup si tratta, se è avviata oppure no, quanto è grande il team e in che città lavorate. Avrete in automatico un primo filtro sul tipo di risposte.
  • Siate chiari sul tipo di collaborazione. Non c’è bisogno di linkare il contratto in PDF ma può essere utile sapere se si propone un contratto a progetto, uno stage, un collaboratore saltuario, ecc.
  • Evitate supercazzole. Molti di questi annunci sembrano presi da spot tv. Siate chiari e semplici. Più il vostro annuncio è complesso e contorto e più sarete guardati con sospetto.

Un elenco di questo tipo potrebbe andare avanti all’infinito. In generale, basta un po’ di buon senso per evitare figuracce o, peggio, che nessuno vi contatti. Se siete nuovi di un gruppo/comunità aspettate un po’ prima di scrivere; passate un po’ di tempo ad osservare gli altri e fatevi avanti solo quando avete capito le dinamiche del gruppo.

Concludo con due punti bonus ;)

  • Gli startupper sono quasi tutti un po’ folli ma non tutti sono disposti a lavorare gratis.
  • Non tutti i programmatori vogliono diventare co-founder, alcuni vogliono semplicemente essere pagati.

Commenti

Chi Sono

Classe ‘84, Salernitano, cresciuto a camille e robottoni giapponesi! Sono un imprenditore digitale, blogger, public speaker e autore.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business.
Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Batman sarebbe fiero di te ;).

Risorse consigliate

Il mio ebook free

Leggi il mio ebook gratuito sul
Growth Hacking

Il mio libro

Acquista il mio libro sul Growth Hacking

Il mio corso

Acquista il mio corso sul Growth Hacking

Ultimi post