feedback startup

Feedback: Senti Tutti, Ascolta Pochi, Segui Nessuno

Chi mi conosce sa quanta importanza do ai feedback. Quando lavoro su qualcosa di nuovo cerco sempre qualcuno con cui confrontarmi per avere un parere esterno.

Come spesso succede, chi non è coinvolto direttamente in un’attività riesce a cogliere sfumature che a te sfuggono e a volte una semplice osservazione di un outsider può aiutarti ad uscire da un impasse.

Qualche giorno fa, mentre sfogliavo i miei post in inglese su Medium mi sono imbattuto in un vecchio post che avevo scritto più di un anno fa con delle riflessioni sui feedback. L’ho tradotto, rinfrescato un po’ e riproposto in italiano perché credo che siano ancora molto valide.

I feedback negativi sono i migliori

Giusto per essere chiari, con “negativi” intendo le critiche costruttive.

Se stai gestendo una startup, ma anche se stai facendo altro (lanciare un prodotto, scrivere un libro, avviare un blog, ecc.) non hai bisogno di pacche sulle spalle. Le pacche sulle spalle accompagnate dai commenti del tipo “bello, mi piace” non hanno nessuna utilità. Non servono ne a te, ne al tuo business.

Di una sola cosa hai bisogno (soprattutto nella fase iniziale) ed è capire cosa non funziona e come sistemarlo il prima possibile.

Riceverai feedback contrastanti

È inevitabile!

Investitori, mentor, advisor, amici, familiari, clienti. Tutti ti daranno delle opinioni sulla tua idea e sul tuo business dal loro punto di vista che è, ovviamente, basato sulla loro esperienza personale. Puoi star certo che la maggior parte delle volte queste opinioni saranno in forte contrasto tra di loro.

La parte difficile sarà riuscire a tirare fuori il meglio da ognuno di essi. Quello spetta a te!

La fonte conta parecchio

Tieni in considerazione chi ti sta dando il feedback.

Quando avrai a che fare con tanti feedback (soprattutto se in contrasto tra di loro) tieni sempre in considerazione chi è la persona che hai davanti. Ovviamente questa non è la soluzione definitiva per capire quali feedback sono importanti e quali no, ma può aiutarti nel dare il giusto peso e la giusta importanza ad ogni opinione che riceverai.

Fai attenzione ai “guru” e agli “esperti”.

Senti tutti, ascolta pochi, segui nessuno

La scelta finale spetta sempre a te.

Come ho detto sopra, ti ritroverai con tanti feedback, provenienti da diverse persone e molto probabilmente in forte contrasto tra di loro. Vuoi sapere una cosa? La verità è che nessuno di loro ha la sfera magica!

Ascolta i diversi feedback che ti arrivano ma cerca di contestualizzarli sempre e di adattarli alla tua situazione.

Chiedi sempre dei feedback

Ne hai bisogno.

Ne avrai sempre bisogno. Indipendentemente dal tipo di idea e dal suo grado di maturità. Cerca di far si che la richiesta dei feedback e la loro valutazione siano parte integrante del processo di sviluppo. Testa diversi canali e diversi strumenti fino a trovare quello più adatto al tuo prodotto e al tuo pubblico.

E, mi raccomando, non sottovalutare mai il potere di una birra con un amico.

Su questo tema ho anche girato un video:

5 Cose Che Ho Capito Sui FEEDBACK

😉 Occhio ai Guru dal consiglio facile!

Posted by Raffaele Gaito on Sunday, November 27, 2016

Commenti

Chi Sono

Classe ‘84, Salernitano, cresciuto a camille e robottoni giapponesi! Sono un imprenditore digitale, blogger, public speaker e autore.
In segreto mi alleno per diventare Batman

Puoi seguirmi qui

La mia newsletter

Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digital, marketing e business.
Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Batman sarebbe fiero di te ;).

Risorse consigliate

Il mio libro

Acquista il mio libro sul Growth Hacking

Il mio corso

Acquista il mio corso sul Growth Hacking

La mia guida

Leggi la mia guida sul Growth Hacking

Ultimi post